Con la circolare n. 18 del 03/07/2020 l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al bonus vacanze introdotto dall’articolo 176 del DL 34/2020 (Decreto Rilancio).

Possono beneficiare del bonus vacanze i nuclei familiari con ISEE in corso di validità, ordinario o corrente, non superiore a 40.000,00 euro.

Per "nucleo familiare" si intende quello definito dal regolamento per la determinazione dell'ISEE, da non confondere con la nozione di "familiare a carico" ai sensi dell'art. 12 del TUIR: il "nucleo familiare" è costituito dai soggetti componenti la "famiglia anagrafica" alla data di presentazione della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica).

Il bonus vacanze è utilizzabile da un solo componente per nucleo familiare: la famiglia (il nucleo familiare) avrà diritto al credito una sola volta, sulla base della propria composizione, indipendentemente dal numero dei componenti che fruiscono dei servizi turistici. Pertanto se nel nucleo familiare, come risultante dalla DSU, sono presenti 4 persone, un solo componente del nucleo avrà diritto al bonus vacanze per i servizi fruiti da tutto o parte del nucleo familiare.

Dove è possibile utilizzare il bonus? Per individuare le strutture presso le quali è possibile utilizzare il bonus occorre fare riferimento ai soggetti che indipendentemente dalla natura giuridica o dal regime fiscale adottato svolgono effettivamente le attività previste dalla norma: imprese turistico-ricettive e B&B. A titolo puramente indicativo e non esaustivo, tali attività sono riconducibili alla sezione 55 della tabella dei codici ATECO. Sono inclusi anche coloro che svolgono un'attività alberghiera o agrituristica c.d. stagionale, mentre sono esclusi i soggetti che non esercitano tale attività abitualmente. In ogni caso, il fornitore del servizio turistico è tenuto a dichiarare, nell'ambito dell'apposita procedura web, di essere un'impresa turistico ricettiva, un agriturismo o un bed & breakfast che soddisfi le condizioni richieste.

Quando è possibile utilizzare il bonus? Il bonus è utilizzabile per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle suddette strutture dal 1° luglio al 31 dicembre 2020. L'agevolazione spetta esclusivamente in relazione a soggiorni in relazione ai quali, almeno un giorno, ricada nel suddetto periodo di riferimento.

Quali documenti occorrono? Il totale del corrispettivo deve essere documentato da "fattura elettronica o documento commerciale". Per i soggetti non tenuti ad emettere fattura elettronica si considera valida anche l'emissione di una fattura, di un documento commerciale non elettronico o di uno scontrino o ricevuta fiscale.

Quali servizi possono rientrare nel bonus? Il bonus vacanze non può essere utilizzato sulle prestazioni rese da più fornitori, ad eccezione di quelle per servizi accessori indicati nella medesima fattura dall'unico fornitore.

Se il pagamento è effettuato tramite agenzie di viaggio e tour operator? Il credito non può essere utilizzato per effettuare pagamenti attraverso l'ausilio, l'intervento o l'intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici, anche non residenti, diversi da agenzie di viaggio e tour operator. Pertanto, il codice univoco (o il relativo QR-code) può essere utilizzato anche nel caso in cui il pagamento venga effettuato con l'ausilio, l'intervento o l'intermediazione di agenzie di viaggio o tour operator.

 

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie consulta l'informativa.
Cliccando su "Ok, accetto" o continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità all'informativa.